Trend Following: una strategia vincente per i tuoi investimenti


Se il mercato sale guadagni, se il mercato scende consolidi.

Molti investitori comprano e vendono titoli senza seguire un piano preciso. Eppure, la riuscita di un investimento dipende in gran parte dalla strategia adottata. Come viene definita? E a cosa è necessario fare attenzione per scegliere quella giusta?


La strategia d’investimento indica quale quota del patrimonio vada investita e in quali classi d’investimento – come ad esempio azioni, titoli a tasso fisso o materie prime. È lei a stabilire la ripartizione a lungo termine sulle differenti asset classes.


Le strategie di investimento sono molteplici, quello che conta alla fine è il risultato. E quindi, se ci fosse una strategia che garantisse di mantenerti sempre investito durante le fasi di rialzo e ti tenesse fuori dall’investimento durante le fasi di ribasso, sarebbe importante?


Questa strategia è quella che segue la tendenza di mercato, la cosiddetta Trend Following, in circolazione da molti decenni ed ha sempre dato risultati più che soddisfacenti.


La strategia mira a catturare l’essenza della tendenza del mercato. Di certo non entrerai mai dal fondo assoluto, né uscirai dal vertice assoluto. Questo è impossibile per tutti e se accade è solo pura fortuna.


Come funziona la strategia Trend Following?

Considerato che i Trend di mercato possono essere sia al rialzo che al ribasso, la filosofia Trend Following implica l’implementazione di una strategia long-only, cioè entra per cavalcare il trend solo nelle fasi di rialzo. Questo equivale a elaborare una strategia di gestione Trend Following che sfrutti le inefficienze dei mercati finanziari ricercando trend positivi di medio e lungo periodo e stabilendo contestualmente un target drawdown, cioè un parametro di massima oscillazione negativa del portafoglio in gestione. Questo approccio è reso possibile dalla combinazione di diversi parametri quantitativi – la cui analisi richiede l’adozione di differenti tecniche di data mining – ed da una affidabile e rigorosa fase di backtesting per validare tutte le soluzioni adottate.


Nel grafico sottostante si può notare come la strategia reagisce ai segnali IN o OUT suggeriti dalle formule sottostanti. La freccia rossa indica l’uscita dall’investimento e la freccia verde indica l’entrata. In questo modo è visibile come l’investitore faccia ad evitare i risultati negativi in caso di forti ribassi.


Nella immagine seguente, invece, vediamo come la strategia Trend Following tende ad consolidare valore, proprio grazie alle uscite durante le fasi di ribasso.



I vantaggi della strategia Trend Following

Se ci sono vantaggi, vuol dire che ci sono anche svantaggi. Allora iniziamo dallo svantaggio di questa strategia.


Un potenziale aspetto negativo del trend following è spesso il risultato di una "dissonanza cognitiva", il conflitto comportamentale ed emotivo creato quando il bisogno di pazienza e inazione si scontrano con il forte desiderio di "fare qualcosa". Aspettare, avere pazienza. Ma in finanza le persone devo fare sempre qualcosa, altrimenti sembra che il mercato gli sugga dalle mani.


Per questa ragione è importante rafforzare nella mente degli investitori e degli stessi consulenti finanziari dei numerosi vantaggi di un approccio trend following.


1. È facile sbagliarsi quando si cerca di prevedere le future mosse del mercato. Logica ed emozione possono scontrarsi frontalmente in quelli che sono comportamenti apparentemente illogici dei mercati finanziari. Seguendo la tendenza del mercato in modo sistematico e disciplinato, l'investitore ha la garanzia di non perdere mai un'importante fase al rialzo del mercato, né di rimanere pesantemente investito durante una fase al ribasso.


2. Una credenza comune dice: "Una strategia che segue il Trend, potrebbe non sovraperformare rispetto a prendere una posizione buy-and-hold". Una credenza che potrebbe essere sostenuta solo nel caso in cui l'investitore cassettista resista emotivamente durante una forte flessione dei mercati. Pochi riescono a farcela. Il Trend Following evita la tendenza comportamentale "compra alto, vendi basso" che è tipica di molti investitori fai da te, al contrario tende a riportare dentro l’investitori nella fase rialzista e tenerlo fuori in caso ribasso dei mercati.


3. La gestione del rischio tradizionale utilizza la diversificazione del portafoglio. Anche se la diversificazione è uno strumento importante per la gestione del rischio, in caso di un mercato al rialzo ci sarà sicuramente una parte importante del portafoglio che sottoperformerà, senza alcuna garanzia di protezione nel caso il mercato giri al ribasso. Il Trend Following può consentire all'investitore di concentrare il portafoglio nei settori in rialzo, evitando investimenti in settori sottoperformanti e con la consapevolezza che gli asset verranno spostati in sicurezza quando il mercato inizierà a girare al ribasso.


4. Ciclo dei mercati. Per avere successo, una strategia di investimento deve adattarsi alla natura mutevole del ‘sentiment’ di mercato e dell'ambiente economico. Il Trend Following permette all’investitore di essere flessibile e adattarsi immediatamente all’evoluzione dei mercati, senza attendere che quel dolore della perdita di denaro, o la sensazione di perdita di guadagni, provochi un comportamento emotivo controproducente.


5. Gli esseri umani sono creature curiose e chiedono sempre di sapere il motivo. La maggior parte degli investitori ha difficoltà a reagire a variazioni repentine del mercato senza capire perché quella variazione sta avvenendo o è avvenuta. Il risultato è di riempirsi la mente di un infinito flusso di notizie finanziarie, blog e pareri di analisti attesi come santi predicatori. C'è solo un problema: spesso in tanti sbagliano mentre l’investitore resta investito con i propri soldi. Il fortunato trend follower non deve sapere perché, ma solo cosa è successo.


6. È difficile sopravvalutare il rischio del processo decisionale emotivo. Le sensazioni percepite di pancia, non sono validi indicatori di mercato. La paura della perdita e l’avidità dei guadagni spesso distorcono le reazioni della mente. Solo un approccio di finanzia quantitativa attiva, può mettere l’investitore nelle condizioni di reagire a ciò che sta accadendo.


Il Trend Following è una delle strategie più efficaci da utilizzare per la gestione dei propri investimenti, sia nel breve, medio e lungo termine. È una strategie che per dare i suoi risultati non può prescindere da una adeguata e sofisticata analisi quantitativa che utilizzi parametri come Ulcer Index, DIAMAN Ratio (di Diaman Partner), Indice di Sortino e le probabilità condizionate che permettono di fare degli screening potenti ed individuare gli asset con le migliori prospettive di crescita e di controllo del rischio.


Utilizzando gli indicatori citati è possibile monitorare per le diverse asset class, quali sono le migliori opportunità d’investimento e crearsi delle classifiche sempre aggiornate per avere sempre sotto controllo l’elenco degli strumenti finanziari da adottare.


Se sei arrivato fino a qui, credo che l’argomento sia stato di tuo interesse. Lasciami un commento o scrivimi in privato la tua opinione, che possa essere di base per una più ampia discussione.
82 visualizzazioni0 commenti